QUANTE COSE SI POSSONO FARE CON FARINA, ZUCCHERO, UOVA E POCHI ALTRI INGREDIENTI.

CUCINARE, A VOLTE, E’ UNA DIMOSTRAZIONE D’AMORE.


Scegli la tua lingua

GRAZIE PER ESSERE PASSATI DAL MIO BLOG.

SE NE AVETE VOGLIA LASCIATE UN COMMENTO (SI PUO' FARE ALLA FINE DI OGNI POST).

E' BELLO LEGGERE LE VOSTRE IMPRESSIONI E OPINIONI.

E TORNATE PRESTO A TROVARMI!

domenica 8 agosto 2010

A Glass of...






































Il problema più grande è come chiamarlo!
Perchè alla fine questo bicchiere è un pò di una cosa e un pò dell'altra, preparato al volo con (in ordine di apparizione dal basso verso l'alto):

 1.  qualche amaretto imbevuto (molto imbevuto, gli amaretti stanno nuotando) con del liquore alle more che ho preparato lo scorso settembre
 2.  rimanenza della crema per una cheesecake alla stracciatella (un giorno di questi ve la posto!)
 3.  altro strato sottile di amaretti imbevuti
 4.  ancora crema alla stracciatella
 5.  crema a specchio al cacao

Ora, un nome non ce l'ha, ma quanto era buono!!! 
PS: avete notato il tempo al passato vero?

lunedì 2 agosto 2010

Torta agli Amaretti























La mia amica, mamma dei due gemellini per cui ho preparato questi biscotti, aveva bisogno di una torta da credenza, di quelle che si conservano un pò di giorni senza metterle in frigo. Si sa, gli ospiti arrivano nei momenti più disparati quando ci son bimbi nuovi da andare a vedere e un dolce da offrire in casa è meglio che ci sia!
Le ho fatto una Torta agli Amaretti, una di quelle che potrebbe aver preparato la classica zia zitella (oddio, sono io?!?).
A me è piaciuta moltissimo, e spero anche agli ospiti. Invece per voi, ecco la ricetta!

INGREDIENTI









200 gr. di burro o olio di semi di arachidi 
200 gr. di farina
200 gr. di amaretti
200 gr. di zucchero 
50 gr. di uvetta sultanina 
30 gr. di mandorle 
30 gr. di noci 
4 uova 
1 bustina di lievito per torte 
1 bustina di vaniglina 
Liquore all'amaretto 
Lamelle di mandorle


PROCEDIMENTO









Pulite l'uvetta e mettetela in una tazza, bagnatela con il liquore e lasciatela rinvenire.  Tritate molto finemente le mandorle e le noci e pestate gli amaretti riducendoli in polvere. Imburrate e infarinate una tortiera di circa 24/26 centimetri e spolverizzatela con la farina.  Mettete il burro ammorbidito (o l'olio) in una terrina, unite poco alla volta lo zucchero e la vaniglina.  Versate ora una cucchiaiata di liquore e incorporatevi poco alla volta la farina a cui avrete mescolato il lievito e la polvere di amaretti.  Aggiungete le uova e amalgamate alla perfezione, infine unite le mandorle, le noci e l'uvetta scolata.  Versate il composto nella tortiera preparata, livellatelo e aggiungete in superficie le lamelle di mandorle. Infornate per 40 minuti circa a 180 gradi. 

Levate la torta dal forno e quando si sarà raffreddata, spolveratela con dello zucchero a velo. 
Lasciatela riposare per una giornata prima di servirla: diventa molto più buona!
Related Posts with Thumbnails